Civiltà rupestre in Puglia: come affrontare lo studio per la conoscenza di un patrimonio sommerso

Il progetto formativo è stato suddiviso in due parti:
la prima fase, realizzata con lezioni frontali presso la scuola di appartenenza per un totale di n.3 ore, per introdurre al fenomeno della civiltà rupestre in epoca medievale in ambito mediterraneo e con particolare riferimento all’area pugliese, con presentazione in powerpoint e handouts relativi agli arogmenti: il contesto storico; le circostanze socio-culturali che fanno da sfondo all’origine e diffusione del fenomeno rupestre; il contesto religioso-cultuale ed economico del suo sviluppo; le emergenze materiali, individuate per tipologia, la cui analisi concorre alla comprensione delle specificità territoriali.

La seconda fase ha previsto attività con indagine su campo per un totale di n. 6 ore,  con visita all’intero sito (breve survey e visita della chiesa rupestre e area circostante), e attività di rilievo grafico (planimetria dell’invaso prescelto e delle eventuali emergenze archeologiche nelle immediate vicinanze), sotto la supervisione del Dott. F. Ghio, con un’introduzione teorica alle metodologie di rilievo più adeguate alla tipologia del monumento e l’applicazione pratica dei principi del rilievo archeologico e alla vettorizzazione dei disegni/rilievi per l’elaborazione in CAD; rilievo fotografico del portato pittorico da utilizzare come base per il rilievo iconografico sotto la supervisione della Prof.ssa M. De Giorgi; di descrizione del sito e delle pitture e identificazione delle tecniche esecutive utilizzate e delle più evidenti forme di degrado dei dipinti da mappare, sotto la supervisione della Prof.ssa M. De Giorgi.

Periodo di svolgimento: 2019 – 2020

Dipartimento: Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento

N°ore: N. 9 ore per ogni Istituto scolastico

N° studenti: 12 studenti per ogni Istituto scolastico (N. totale 24 studenti)

Istituti scolastici: Liceo “Virgilio-Redi”, I.I.S.S. “Luigi Russo”

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Claudia Minniti